english version
parco
scendi
Parco Per le famiglie Per la scuola appuntamenti news partnership contatti newsletter

News

News

IL CICLO DEL RICICLO

Differenziamoci!

Dal 2015 è attivo al Parco degli Alberi Parlanti, un percorso dedicato alla raccolta differenziata, progettato e realizzato con la collaborazione di Contarina e con il contributo dei Consorzi di filiera.

Da quest'anno il percorso è stato riallestito per rendere la mostra ancora più interattiva grazie all'utilizzo del QR-CODE.

soluzioni_CDR2_(2).jpg

“Il Ciclo del Riciclo” si propone come una mostra esperienziale, illustrando il ciclo dei rifiuti attraverso varie tappe dedicate ad ogni specifico materiale invitando i visitatori a fare la raccolta differenziata nel parco come a casa.

Per rendere l’esperienza interessante soprattutto per i ragazzi, un gioco a quiz stimolerà il pubblico a visitare tutti i punti presenti nel parco con uno stile esperienziale, consentendo cioè di toccare ed esaminare da vicino i prodotti esposti.

 

Ogni tipologia di rifiuto, suddiviso in carta e cartone, umido e vegetale, vetro, plastica, alluminio, acciaio, secco non riciclabile, materiale per gli EcoCentri e pannolini  assorbenti, ha una propria postazione caratterizzata dai colori dei relativi contenitori usati abitualmente per la raccolta differenziata. Sui pannelli esplicativi, allestiti nelle varie postazioni, si trovano informazioni e curiosità sui materiali e il loro riciclo.

 

Il percorso permetterà inoltre ai bambini di vedere e toccare con mano un riprodotto, ovvero un oggetto realizzato attraverso il riciclo: una bicicletta in alluminio, un gigantesco albero in cartone, e molto altro e stimolare la loro creatività per crearne di nuovi con le proprie mani: un corner in cedraia metterà a disposizione materiale e istruzioni per realizzare il proprio oggetto creativo con i rifiuti prodotti durante la permanenza al parco.

Infine, utilizzando il QR-CODE si potranno scaricare le soluzione dei quiz, le istruzioni degli oggetti creativi, curiosità sui materiali e foto.

La proposta didattica della mostra “Il Ciclo del Riciclo” è diretta alle scuole in visita al Parco, ma è aperta anche alle famiglie tutti i giorni.

Il percorso è gratuito e può essere svolto in autonomia grazie ad una mappa che vi guiderà nelle varie tappe all'interno del parco.

Per ulteriori informazioni rivolgersi alla segreteria del parco.

Famiglie: tel 0422 694046 - info.parco@alcuni.it

Scuole e gruppi organizzati: tel 0422 421142 - parco@alcuni.it

ECCO ALCUNE IDEE PER REALIZZARE IL TUO OGGETTO CREATIVO A CASA O AL PARCO!
pdf, 2M, 07/01/19, 6 downloads

Contarina_carta.JPG
Contarina_legno.jpg
calcetto_legno.jpg
Contarina_vetro.JPG
Contarina_alluminio.JPG


Curiosità

IL VETRO

Con 1 kg di vetro si può produrre, all’infinito, 1 kg di nuovi contenitori, senza aggiungere nient’altro. L’unico limite è dato dal colore: da vetro colorato si possono produrre solo contenitori colorati. Il risparmio di energia ottenuta riciclando una bottiglia di vetro permette di tenere accesa una lampadina da 60W per circa 22 ore.

Grazie al riciclo del vetro, ogni anno si evitano le emissioni di CO2 in atmosfera equivalenti a quelle di 1.290.000 utilitarie Euro5: più o meno quelle che circolano a Milano.

Per produrre una bottiglia di vino da 75 cl di vetro occorrono: 420 gr di materie prime e 1600° di temperatura per fusione…per produrre la stessa bottiglia con vetro riciclato occorrono: 350 gr di rottame di vetro e 1400° per la fusione!

L'ACCIAIO

L’invenzione del barattolo in metallo risale al 1810, a opera dalla mente creativa del commerciante inglese Peter Durand, che rivoluzionò l’industria della conservazione alimentare sostituendo al vetro la lattina in banda stagnata. Un tempo le lattine venivano fatte a mano, piegando la banda stagnata e saldando i fondi.

Nel 2013 su oltre 435.000 tonnellate di imballaggi in acciaio immessi al consumo, pari al peso di 54 Tour Eiffel, RICREA ne ha raccolti oltre 368.000 tonnellate, pari al peso di 4.600 locomotive ferroviarie.

Rispetto alle quantità raccolte, sono state riciclate oltre 320.000 tonnellate (un elefante pesa 4.5 tonnellate)

Acciaio riciclato in un anno = 64.000

Dal riciclo di circa 15 barattoli di acciaio si ottiene un fioretto da competizione

Con circa 200 tappi corona puoi ottenere una chiave inglese

Con 1500 scatolette di tonno puoi ottenere il telaio di una bicicletta!

LA PLASTICA

Con 7 bottiglie di plastica in PET si fa una maglietta da calcio,

Con 10 flaconi di detersivo si fa un annaffiatoio,

Le tonnellate di rifiuti di imballaggi in plastica raccolte in Italia nel 2013 sono equivalenti a 32 volte il volume del Colosseo e a 77 volte il peso della Torre Eiffel,

Da un barile di petrolio si possono ricavare ben 1.750 bottiglie di plastica da un litro e mezzo, quelle comunemente usate per acqua minerale e bibite. Un barile contiene convenzionalmente 159 litri di greggio, pari a circa 135 kg.

L'ALLUMINIO

Bastano 800 lattine per bevande per produrre una city bike in alluminio, come quella che vedi nella foto!

Per ogni kg di alluminio riciclato si risparmiano 12 kg di CO2.

Le aziende lavorano per ridurre l’utilizzo dell’alluminio nella produzione degli imballaggi; negli ultimi anni il peso della lattina per bevande è passato da 19 grammi a circa 13 grammi.

Il più grande orologio d’Europa che si trova nella stazione St. Pancras di Londra è in alluminio: ha un diametro di 5,5 metri per un peso totale di 700 Kg.

La torcia delle Olimpiadi 2008 è stata fatta in alluminio: si presenta come una specie di rotolo ricurvo lungo 72 centimetri e pesante 985 grammi.

La ‘scoperta’ dell’alluminio risale al 1807 ad opera del chimico inglese Sir Humphrey Davy. Occorre arrivare al 1886 perché l’americano Charles Martin Hall e il giovane scienziato francese Paul Heroult, scoprissero contemporaneamente, seppur in modo indipendente, il primo processo di fusione elettrolitica per la produzione di alluminio metallico dall’allumina.

Il metodo di Hall – Heroult è ancora oggi il sistema utilizzato per la produzione di alluminio ed è stato migliorato dalle successive scoperte.

LA CARTA

Il 90% della carta dei sacchetti, dei quotidiani e delle scatole è realizzato con materiale riciclato!

Con la carta raccolta dal 1999 a oggi è stata evitata la realizzazione di 273 discariche!

Oggi 4 imballaggi cellulosici su 5 vengono riciclati.

In Europa la gestione sostenibile delle foreste fa sì che per ogni albero tagliato ne vengano piantati tre di nuovi.

1 persona consuma circa 200 kg di carta all’anno.

per produrre 200 kg di carta servono 500 kWh di elettricità, che corrisponde al consumo annuo di una lampadina da 60w.

L'UMIDO E IL VEGETALE

Il compostaggio è un processo di decomposizione controllata di resti alimentari e vegetali (sostanza organica), in condizioni particolari.

Aria, acqua, luce e calore, insieme a formiche, lombrichi e batteri trasformano le sostanze organiche in sostanze nutrienti e anidride carbonica. Il prodotto ottenuto, il compost, è un ottimo fertilizzante utilizzato come concime per i nostri orti e giardini.

Il processo di compostaggio avviene spontaneamente in natura, infatti Se passeggiamo nel bosco in autunno inoltrato e smuoviamo il manto di foglie morte avvertiamo un odore gradevole: a pochi centimetri di profondità foglie, rami, resti d’animali e insetti perdono la loro forma e i colori originali. Troviamo solo un terriccio soffice, di colore scuro che profuma di “bosco”, ricco di HUMUS.

IL LEGNO

Fino a 30 anni fa gli oggetti di legno erano parte integrante della vita quotidiana: slitte, portapenne, trottole erano di legno. Oggi molte cose sono realizzate con altri materiali, ma anche noi ogni giorno utilizziamo oggetti in legno che quando non sono più utili possono venire trasformati: dall’armadio dei vestiti al tavolo di cucina, dal manico dell’ombrello allo stecchino del gelato. Ci sono poi gli imballaggi (ovvero i contenitori), come le cassette per la frutta.

Oggi non sempre si usa legno vergine (cioè che proviene direttamente dal taglio degli alberi) per costruire i mobili, per esempio i tavoli della cucina e le mensole sono fatti con i pannelli truciolari realizzati con i chips, cioè con scaglie di legno riciclato.

SOLUZIONI QUIZ PIEGHEVOLE